< !DOCTYPE html> Produzione in cogenerazione

Produzione in cogenerazione

Come funziona


Un semplice sguardo ai grafici in figura permette di capire quanto la produzione contemporanea di energia elettrica e calore sul luogo stesso del loro consumo sia conveniente rispetto alla produzione separata e centralizzata: La parte destra mostra un bilancio di conversione tipico per un impianto di cogenerazione; con 100 unità di energia sotto forma di combustibile impiegato si ottengono mediamente 38 unità di energia elettrica e 45 di calore. Per produrre le stesse quantità separatamente sono necessari in media 95 unità di combustibile per ottenere la stessa quantità di energia elettrica da un impianto termoelettrico convenzionale e 53 unità di combustibile per ottenere lo stesso calore da una caldaia a metano.
Risulta quindi evidente che la produzione separate di energia elettrica e calore richiede quasi il 50% in più di combustibile per fornire la stessa quantità di vettori termici. A questo si aggiungono le perdite di energia elettrica per effetto Joule nelle reti di trasmissione e distribuzione che possono raggiungere anche il 10% del totale dell’energia trasportata. Con la cogenerazione distribuita il calore generato durante la produzione di energia viene recuperato quasi completamente per alimentare le utenze termiche presenti nel sito, raggiungendo un rendimento complessivo (rapporto tra energia totale utilizzata ed energia introdotta nel sistema sotto forma di combustibile) prossimo al 90%.